• Naturopata con sede a Roma e Guidonia

  • 380.454.33.94

  • info@naturopatiaviccaro.it

Metodologie naturopatiche

Gli oligoelementi sono elementi che nel nostro organismo sono presenti in tracce e quindi si trovano fisiologicamente a concentrazioni molto basse. Eppure la loro funzione è vitale, poiché sono costituenti di molecole essenziali, quali ad esempio gli ormoni, le vitamine e gli enzimi, e garantiscono dunque ai nostri processi di regolazione interni di funzionare correttamente e di mantenere quell’equilibrio dinamico comunemente noto come omeostasi.

Alcuni oligoelementi sono il manganese, il rame, lo zinco, il cobalto, ecc.

Questi minerali agiscono inoltre in perfetta sinergia tra loro e la carenza di uno può portare alla carenza di un altro.

Un’insufficienza di oligoelementi può quindi causare turbe metaboliche.

Con gli oligoelementi è possibile trattare in modo molto efficace il terreno di una persona e i disturbi disfunzionali, che possono costituire un’anticamera per le malattie.

Gli oligoelementi come integratori naturali fanno sì che i minerali carenti vengano introdotti nell’organismo in una forma ionizzata e biodisponibile, in grado perciò di ripristinare le fisiologiche attività metaboliche.

Gli oligoelementi non agiscono solo sul piano fisico, ma anche su quello energetico e psichico, ripristinando dunque lo stato di salute dell’organismo su differenti livelli.

I fitoderivati sono rimedi naturali derivati dalle piante.

La Natura è Madre e matrice di vita ed è anche il più grande laboratorio chimico che possiamo trovare. Essa ci mette a disposizione tutto quello di cui abbiamo bisogno per vivere in equilibrio ed armonia con noi stessi e ciò che ci circonda.

Il Naturopata Sebastian Kneipp disse che esiste un’erba per ogni nostra esigenza ed è realmente così. Le piante sono una fonte preziosa di sostanze benefiche.

Per la scelta di un fitoderivato, volto ad ottenere determinati effetti, occorre sempre considerare la parte di pianta più idonea (foglie, semi, radici, ecc.) ed il metodo estrattivo adatto. Si parla quindi di soluzioni acquose, idroalcoliche, gemmoderivati, estratti secchi, ecc.

Oggi la scienza ci aiuta molto ad individuare il fitoderivato appropriato, poiché grazie alle più avanzate tecniche analitiche chimiche siamo in grado di conoscere la composizione chimica delle sostanze contenute nelle piante e quindi i metodi di trattamento che consentono l’estrazione delle sostanze identificate come principi attivi. Sempre ricordando che non è l’isolamento di uno o due principi attivi che apporta benefici, ma la sinergia che si crea tra tutte le sostanze chimiche presenti nella pianta.

I fitoderivati agiscono sul piano fisico della persona e vengono utilizzati dal Naturopata per la cura del terreno e dei disturbi funzionali.

Per Alimentazione Naturale non s’intende una dieta a base di prodotti del proprio orto o certificati biologici. E soprattutto non s’intende una dieta, sia perché il Naturopata per legge non può prescriverne, sia perché non è assolutamente interessato a farlo.

L’Alimentazione Naturale non è una dieta, ma uno stile di vita personalizzato, poiché il Naturopata si rifà all’antico concetto di dietetica che, oltre a comprendere una sana alimentazione, considerava anche uno stile di vita idoneo. Personalizzato, perché non esiste un’alimentazione giusta ed una sbagliata, così come non vanno demonizzati alcuni alimenti o idolatrati altri. Ogni persona, sulla base del proprio terreno, ovvero della sua costituzione, del suo attuale stile di vita e del periodo che sta vivendo, necessita di uno specifico stile alimentare, che viene per questo individualizzato.

Sebbene siano in generale da preferire sempre alimenti di stagione e non trattati chimicamente, è necessario valutare attentamente la scelta dei cibi più adatti ad un individuo sulla base del suo piano fisico, energetico ed emotivo.

L’Alimentazione Naturale ha le sue fondamenta nella scienza della nutrizione, ma si spinge oltre, avvalendosi delle conoscenze sulla dietetica della medicina tradizionale cinese, dell’ayurveda, della medicina tradizionale mediterranea, ecc.

Uno stile alimentare adeguato apporta dunque benefici sul piano fisico, energetico e psico-emotivo ed è un passaggio necessario per il raggiungimento della salute globale. La persona non solo si sentirà e si vedrà meglio fisicamente, ma avrà maggiore chiarezza mentale e ritroverà l’armonia.

L’Iridologia è una scienza che, attraverso lo studio dell’iride, permette di valutare lo stato di salute globale.

Questo è possibile poiché l’iride è l’unico organo osservabile durante il pieno svolgimento delle proprie attività fisiologiche, in quanto non è ricoperto da una membrana opaca. L’iride è estremamente ricco di segni preziosi per l’iridologo che li sa interpretare e non esiste un iride uguale all’altro, così come non esiste un individuo uguale ad un altro.

L’Iridologia non fa diagnosi di patologie, questo è compito della medicina, che si avvale delle più avanzate tecnologie. Essa sul piano fisico ci mostra il terreno della persona, quindi la sua costituzione, le predisposizioni, le diatesi e ci aiuta a risalire alla causa del disagio.

Nonostante molti iridologi italiani si concentrino sul piano fisico, io ritengo invece che il vero punto forte dell’Iridologia risieda nella valutazione dei piani energetico, psichico ed emotivo.

Grazie all’analisi dell’iride è possibile capire quali sono le caratteristiche più profonde di un individuo, come esso le percepisce in relazione a se stesso e all’ambiente in cui vive. L’iride mostra le potenzialità e quelle peculiarità che rendono unico ognuno di noi e che spesso noi stessi ignoriamo.

L’iride aiuta il Naturopata a comprendere la persona, affinché il Naturopata possa aiutare la persona a comprendere se stessa. Perché la salute passa prima  di tutto attraverso la conoscenza e la soddisfazione dei propri bisogni, l’affermazione delle proprie capacità e la realizzazione di se stessi.

L'Iridologia professionale è l'iridologia applicata al mondo del lavoro.

Mediante l'iridologia è possibile capire qual è il temperamento dell'individuo, qual è il suo carattere (ovvero il temperamento modificato in base all'ambiente in cui vive) e quali sono le sue attitudini. Tutte informazioni fondamentali per permettere alla persona di capire qual è la mansione nella quale si sente a proprio agio e riesce ad esprimere meglio se stessa. Una persona libera di esprimere se stessa nel luogo di lavoro è una persona che lavora con piacere, è più produttiva ed ha un rapporto sano con il suo responsabile, i suoi colleghi ed i suoi collaboratori.

Le consulenza d'iridologia professionale sono rivolte al singolo che ne fa richiesta, che potrebbe intraprendere un percorso di crescita professionale accompagnato da un percorso di crescita interiore, e sono rivolte alle aziende.

Le consulenze d'iridologia professionale in azienda prevedono:

  • L'analisi iridologica del datore di lavoro e del responsabile (in caso fossero due persone diverse) con colloquio individuale;
  • L'analisi iridologica di tutti i collaboratori con colloquio individuale;
  • Il riscontro, al datore di lavoro e al responsabile, sulle informazioni ottenute dall'analisi iridologica dei singoli collaboratori;
  • Colloquio collettivo con il datore di lavoro, il responsabile ed il gruppo di lavoro, affinché tutti comprendano meglio le attitudini comportamentali e lavorative dei colleghi.

Pagina 2 di 2

facebook_page_plugin